Si chiude l’anno scolastico di Pianeta Clara, 6.300 studenti coinvolti

Con le premiazioni delle cinque scuole vincitrici del concorso “Occhio ai particolari” si è conclusa la terza edizione del progetto di educazione ambientale Pianeta Clara, promosso da Clara Spa e dedicato alla sostenibilità ambientale e alla corretta gestione dei rifiuti. Il progetto si rivolge ogni anno alle scuole dei 19 Comuni del ferrarese serviti dall’azienda per coinvolgere i più giovani e trasmettere loro l’importanza di ridurre gli sprechi, riutilizzare e riciclare i rifiuti, sensibilizzando gli studenti verso un agire virtuoso e consapevole, in sintonia con i 17 obiettivi contenuti nell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile.

Quest’anno Pianeta Clara ha coinvolto 318 classi, provenienti da scuole dell’infanzia, primarie,  secondarie di I e II grado, per un totale di quasi 6.300 studenti. Sono stati realizzati 268 percorsi, 400 incontri, curati nell’operatività dalle cooperative Atlantide e La Lumaca, con la collaborazione di Girogirotondo e La Piccola Carovana.

Al concorso “Occhio ai particolari” si sono distinte, per il numero di punti accumulati, le classi di cinque diverse scuole, ben distribuite nel territorio servito. Prima classificata è la 2^ A della scuola primaria Fattibello di Comacchio, seconde classificate la 2^ B e la 2^ C della scuola primaria di Renazzo. Al terzo e quarto posto rispettivamente la scuola d’infanzia di Zocca (Riva del Po) e la ‘’Maria Immacolata’’ di Bosco Mesola. Infine la IV e la V B della scuola primaria “C. Forlanini” di Tresigallo. Tutte le classi sono state premiate da Otto, il personaggio-mascotte di Pianeta Clara che incarna un extraterrestre campione spaziale di riciclo, con materiale didattico scelto direttamente dai docenti.

Obiettivo di questa iniziativa a premi era far conoscere i centri di raccolta e i servizi itineranti presenti sul territorio, con lo scopo di incoraggiare gli studenti e le loro famiglie a una corretta gestione anche dei rifiuti meno abituali, come gli oli usati, le batterie, i RAEE e altri materiali problematici.

Come ogni anno il progetto ambientale Pianeta Clara tornerà a settembre, con nuove proposte e sempre con l’intento di sensibilizzare il territorio, a partire dalle scuole, stimolando una generale maggiore attenzione verso le risorse e l’ambiente.