Raccolta indumenti usati, Humana sospende temporaneamente il servizio

Nel territorio di CLARA la sospensione riguarda Bondeno, Cento, Poggio Renatico, Terre del Reno, Vigarano Mainarda), oltre a quelli di Jolanda di Savoia e Riva del Po (località Berra).

La Onlus Humana People to People ha comunicato nei giorni scorsi a tutti i gestori dei rifiuti urbani che le difficoltà operative legate all’emergenza in corso sono divenute tali da non rendere operativamente fattibile la prosecuzione del servizio di svuotamento e avvio a recupero degli indumenti usati, servizio che sarà perciò sospeso per alcune settimane nel mese di aprile. Nel territorio servito da CLARA sono gestiti da Humana tutti i contenitori presenti nei Comuni dell’alto ferrarese (Bondeno, Cento, Poggio Renatico, Terre del Reno, Vigarano Mainarda), oltre a quelli di Jolanda di Savoia e Riva del Po (località Berra).

«A causa dell’emergenza sanitaria» spiegano da Humana «le filiere di stoccaggio e distribuzione degli abiti usati sono bloccate, e non vi sono sufficienti impianti di recupero attualmente aperti in Italia e in Europa a cui poter portare tutti gli abiti raccolti. Purtroppo non è quindi possibile proseguire con il nostro lavoro fino a quando la situazione non si sarà normalizzata. Speriamo di poter garantire di nuovo il normale svolgimento dell’attività entro due o tre settimane. Nel frattempo Humana fa un appello a tutti i donatori perché rimandino il loro cambio di stagione. Saremo infinitamente grati a tutte le famiglie che decideranno di svuotare il loro armadio in un altro momento, dandoci la possibilità di valorizzare i loro vestiti a fini solidali ed ecologici».

In questi giorni il personale Humana sta provvedendo anche ad affiggere a tutti i contenitori un avviso per spiegare la situazione, invitando i cittadini a non depositare gli indumenti nei pressi dei contenitori e a riportarli al termine dell’emergenza.