Formignana è il miglior Comune “Rifiuti Free”

Il Comune di Formignana è stato protagonista mercoledì 27 giugno, a Roma, della 25^ edizione di Comuni Ricicloni, l’iniziativa nazionale di Legambiente che premia ogni anno quelle realtà locali che più si sono distinte nella gestione virtuosa dei rifiuti per aver saputo ridurre drasticamente lo smaltimento in discarica o all’inceneritore. Sono quelli che Legambiente definisce i Comuni “Rifiuti Free”, dove cioè vengono prodotti meno di 75 kg di rifiuto indifferenziato all’anno per abitante.

Formignana è risultato il vincitore assoluto per la categoria ‘Comuni sotto i 5mila abitanti’ per la Regione Emilia-Romagna, con una quota pro capite di rifiuto secco residuo di soli 62,9 kg e l’82% di raccolta differenziata. Secondo classificato, a ruota, il Comune di Ro, con 70,1 kg pro capite di non riciclabile. Nel 2017 Formignana e Ro sono stati, tra i piccoli Comuni dell’Emilia Romagna, gli unici due con una produzione di indifferenziato inferiore ai 75 kg per abitante.

Sul podio regionale, per la categoria Comuni tra i 5mila e i 15mila abitanti, compare anche Poggio Renatico, secondo classificato – dopo Novi di Modena – con 69,6 kg di indifferenziato pro capite.

«Il plauso va innanzitutto ai cittadini di Formignana, che grazie al loro impegno e senso di responsabilità, hanno portato il nostro Comune a questi risultati. Ne siamo molto orgogliosi», ha sottolineato il vicesindaco di Formignana Marco Ferrari.

«Grazie al porta a porta i Comuni serviti da Clara hanno già superato gli obiettivi di raccolta differenziata, di riciclo e di riduzione dell’indifferenziato che la legge Regionale 15/2016 pone per il 2020» ha spiegato il direttore generale Raffaele Alessandri, presente a Roma per la premiazione di Formignana. «Le analisi merceologiche che periodicamente commissioniamo mostrano tra l’altro che la qualità dei materiali raccolti attraverso il sistema porta a porta è elevatissima rispetto a quella dei cassonetti stradali, per cui è maggiore la quota di recupero effettivo delle varie frazioni di rifiuti (concetto diverso da quello della percentuale di raccolta differenziata, ndr). Ma si può migliorare ulteriormente, soprattutto perché nel contenitore dell’indifferenziato si trovano ancora materiali riciclabili».

Nel 2017 nel territorio servito da Clara con sistema porta a porta (ormai tutti i Comuni, con le sole eccezioni di Vigarano Mainarda, Sant’Agostino di Terre del Reno e i lidi di Comacchio), la percentuale di raccolta differenziata ha sfiorato il 78%, con punte che superano abbondantemente l’80% nei Comuni in cui è attivo un sistema di tariffazione puntuale (Ro e Formignana appunto). In questi Comuni si è assistito ad una riduzione drastica del rifiuto indifferenziato avviato all’inceneritore, sceso sotto i 70 kg pro capite all’anno, contro una media, nei Comuni serviti con porta a porta ma con tariffa tradizionale, di 110 kg a testa.

Da luglio di quest’anno il porta a porta sarà esteso a Vigarano Mainarda e, a seguire, entro i primi mesi del 2019, anche a Sant’Agostino, uniformando così il servizio in tutto il territorio. Anche la tariffa su misura sarà applicata ad ulteriori comuni: già in queste settimane è in corso a Tresigallo la distribuzione dei contenitori con microchip, e dal 2019 la tariffa sarà calcolata col nuovo sistema.